Citazioni “Vita dopo vita” di Thorwald Dethlefsen

Riporto alcune citazioni tratte dal libro Vita dopo vita di Thorwald Dethlefsen:

…per l’inconscio ogni suggestione, specie se formulata in forma figurata, è una realtà assoluta, come per il sognante rappresenta una realtà assoluta il sogno. (pg. 47)

L’astrologia è molto antica. È nata in un’epoca nella quale l’impostazione del pensiero era diversa da quella odierna. Noi siamo abituati a supporre che tutto ciò che facciamo oggi sia migliore, più giusto e più vero di quanto si faceva prima di noi. È un grossolano pregiudizio che fa di ogni erba un fascio. Certo, ogni epoca è convinta della validità del proprio modo di pensare; altrimenti non penserebbe come pensa. Tuttavia questa convinzione soggettiva non prova la veridicità dei suoi contenuti. (pg. 104)

Soltanto l’individuo è artefice del proprio destino, soltanto lui ha la possibilità di forgiare la propria sorte fornendo contenuti di cui è disposto a raccogliere le forme. L’uomo deve trovare, o meglio ritrovare il rapporto, il collegamento col proprio destino. Gli eventi negativi acquistano una colorazione completamente diversa quando l’individuo impara ad interpretarli e a riconoscerli come risultato della propria condotta. (pg. 114)

Certo, la morte è il polo opposto della vita, ma ciò significa che senza morte non esisterebbe vita. Anche per questo l’uomo deve accettare la morte sin dal momento in cui viene al mondo, perché la morte è l’unica cosa certa nella vita di un uomo. Quindi la morte non è qualcosa che minaccia la vita dal di fuori, ma una componente interna ed essenziale della vita stessa. (pg. 130)

L’uomo come unità è qualcosa di diverso dalla somma di tanti singoli elementi misurabili. Perciò la prima cosa, e la più importante, è chiedersi se è ammalato o sano l’uomo. Se è ammalato, il problema della localizzazione di questa malattia è secondario. Se voglio cogliere la causa della malattia devo curare l’uomo intero. (pg. 150)

Solo se [il paziente] accetta la malattia riconoscendone il significato, essa perde la ragione di essere. Infatti la malattia vuol richiamare l’attenzione su un determinato problema, vuol correggere. Nel momento in cui il suo messaggio viene capito, la sua esistenza diventa superflua. (pg. 152)

Chiunque si fermi a riflettere su se stesso e sulla vita si imbatterà negli stessi problemi fondamentali. Se è disposto a dichiarare onestamente e senza pregiudizi quanto sa di se stesso e del mondo, arriverà al seguente risultato:

So che esito. So che nel pensiero e nell’azione sono un essere limitato. Ne deduco che non riuscirò mai a cogliere tutto. Oltre a me esistono altre cose e altri esseri. Queste cose e questi esseri che mi circondano e con cui ho a che fare nella vita di ogni giorno sono fatti di materia. Ne risultano i seguenti interrogativi: Chi sono, io, perché sono e perché sono come sono? Da dove vengo e dove vado? Quale rapporto di parentela esiste fra me e le cose e gli esseri che mi circondano? Qual è il significato della mia vita e che cosa avverrà dopo la mia morte?
Chi non si pone questi interrogativi vive ai margini della propria vita. (pg. 190)

Immagine: Hartwig HKD

Immagine: Hartwig HKD

Per chi non avesse letto il libro e ne fosse rimasto incuriosito, ecco qualche informazione in più:

Recensione di “Vita dopo vita”

Il concetto di reincarnazione è tutt’oggi controverso, per quanto sempre più persone vi aderiscano sia nella sua variante orientale che in quella occidentale. Le sue radici affondano in tempi remoti e, da una trentina d’anni circa, si parla anche di terapia della reincarnazione.

Conosciuta soprattutto grazie ai libri di Brian Weiss, è importante ricordare che uno dei capostipiti della age regression è stato Thorwald Dethlefsen, psicologo e psicoterapeuta tedesco che dedicò la sua vita allo studio della reincarnazione e delle sue implicazioni sulla nostra vita.

Per age regression s’intende il metodo capace di riportare le persone sotto ipnosi ad un’età precedente della loro vita. In questo stato l’ipnotizzato conosce dettagli che aveva dimenticato da tempo e non sa più nulla di tutto ciò che ha vissuto e imparato dopo il momento al quale è stato riportato.

[Continua a leggere la recensione del libro]

Il libro:

Vita dopo vita di T. DethlefsenTitolo: Vita dopo vita – Dialoghi con reincarnati
Autore: Thorwald Dethlefsen
Traduzione: Stefania Bonarelli
Editore: Edizioni Mediterranee
Pagine: 202
Prezzo: 12,95 euro
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it





Nessun commento