Scritto da Storie e aforismi

L’uccello indiano, una storia Sufi

Immagine: ajari

Un mercante teneva un uccello in gabbia. Dovendo recarsi in India, paese originario dell’uccello, gli chiese se desiderava che gli riportasse qualcosa da quel paese. L’uccello chiese di ottenere la sua libertà, ma il mercante gliela negò. Allora lo pregò di recarsi in una certa giungla dell’India e di annunciare la sua cattività a tutti gli uccelli che vivevano in libertà.

Così fece il mercante, ma aveva appena finito di parlare quando un uccello selvatico, simile in tutto al suo, cadde esangue ai piedi del ramo sul quale era appollaiato.
Il mercante pensò allora che doveva sicuramente trattarsi di un parente prossimo dell’uccello in gabbia, e fu addolorato di aver causato la sua morte.

Quando fu di ritorno, l’uccello gli chiese se portava buone notizie dall’India.
“Ahimè, no”, disse il mercante, “temo che le notizie siano brutte! Uno dei tuoi parenti prossimi è stramazzato ai miei piedi quando ho parlato della tua cattività”.
Aveva appena pronunciato queste parole, quando l’uccello indiano stramazzò a sua volta nella gabbia. “La notizia della morte del suo parente ha ucciso anche lui”, pensò il mercante. Era desolato; lo raccolse e andò a poggiarlo sul davanzale della finestra. All’istante, l’uccello tomo in vita e volò sul ramo più vicino.

“Ora sai”, disse l’uccello al mercante, “che ciò che per te era una calamità, per me era una buona notizia. E nota come il messaggio, cioè come comportarmi per riacquistare la mia libertà, mi è stato trasmesso proprio da te, mio carceriere”. E volò via, finalmente libero.

Crediti
Fonte: Vi racconto una storia | Foto in apertura di ajari

Tag:, Last modified: 23 Ottobre 2019