Scritto da Pensiero Distillato AeP Mente Creativa

Il pacato potere degli introversi

Traduzione del video

Sono un’introversa e amo esserlo.
E non sono sola. Gli introversi sono ovunque, e il nostro pacato approccio alla vita, il nostro bisogno di passare del tempo in solitudine, non è un difetto – è un dono.
Ma in quanto introversa, non è sempre facile rendersi conto di quanto tu sia meravigliosa.
Il mondo sembra un posto che ricompensa gli estroversi. Un posto dove essere rumoroso viene scambiato per essere sicuro di sé e felice.
Un posto in cui tutti hanno qualcosa da dire, ma nessuno ascolta.
Un mondo di uffici open space, feste per instaurare relazioni e grandi personalità.
Per chi parla piano, è facile sentirsi escluso.

Quando ero bambina, mi fondevo con lo sfondo. Molti pensavano che io avessi poco da dire o che semplicemente non mi piacessero gli altri, ma non era vero.
Le persone spesso pensano che gli introversi siano timidi o asociali, ma è un malinteso.
Gli introversi, come chiunque altro, possono trovare divertente socializzare, ma mentre le feste infondono energia agli estroversi, dopo un po’ di tempo gli introversi hanno bisogno di ricaricarsi lontano da tutti.

C’è una teoria scientifica che lo spiega. Esistono due importanti elementi chimici nei nostri cervelli: la dopamina e l’acetilcolina.
La dopamina è la botta di energia che riceviamo quando ci assumiamo un rischio o incontriamo nuove persone – e fa stare molto bene gli estroversi. Ma gli introversi sono più sensibili alla dopamina e ne sono velocemente sovrastimolati. Ecco perché noi preferiamo i sentimenti a combustione lenta che riceviamo quando i nostri cervelli rilasciano l’acetilcolina e questo accade quando siamo concentrati, leggiamo o le nostre menti si focalizzano su qualcosa. Questo fa sentire noi introversi rilassati, attenti e soddisfatti, ma raramente gli estroversi lo comprendono.
Naturalmente, come ogni cosa, è una scala mobile: puoi essere propenso per l’uno o l’altro modo d’essere. Oppure accogliere un po’ di entrambi i modi, il che è conosciuto come “ambivert” (ambiverso).

Adesso capisco meglio me stessa e sono profondamente grata per come sono.
Invece di riempiere lo spazio con chiacchiere frivole, ascolto pazientemente e do significato alle mie parole.
Ho pochi amici ma le nostre connessioni sono profonde.
Amo trascorrere del tempo da sola, è dove il caos di una lunga giornata può finalmente assestarsi. Posso riflettere e ascoltare i miei pensieri, ed eventualmente riconnettermi con me stessa.
Solo dopo averlo fatto mi sento pronta per condividere di nuovo con il mondo. Ho imparato alcune strategie per sentirmi a mio agio in un mondo rumoroso – usare la musica per crearmi delle bolle di pace, rifugiarmi in un parco tranquillo in pausa pranzo. Adoro l’intensa e caotica bellezza del mondo, ma è nei luoghi tranquilli che mi sento davvero a casa.

Se l’introversione fosse più apprezzata dalla società potrebbe fare una grande differenza nel futuro della collettività.
Una profonda e pacata forza è l’attributo unico degli introversi. E come disse Gandhi: “In modo gentile, puoi scuotere il mondo”.

Sofja Umarik (animator)

Immagine di Kien Do
Condividi l’articolo se ti è piaciuto
Tag: Last modified: 13 Gennaio 2024