Scritto da In Biblioteca L'Imbrattacarte

L’albergo delle donne tristi di M. Serrano

Floreana è triste e, come lei, tutte le ospiti dell’albergo di Elena, situato nell’isola cilena di Chiloé. Perché lo sono? Per tanti motivi: l’amore non corrisposto, la paura, la perdita, il dolore. Ogni motivo nell’albergo viene condiviso e ascoltato da tutte le ospiti, tutte donne, di ogni età e ceto sociale.

Ma Floreana non è solo triste: una parte di lei vuole estraniarsi dalla quotidianità rifugiandosi nel suo lavoro di storica. Floreana fugge dal dolore a modo suo, pur senza riuscirci presa in ostaggio dai ricordi e da ciò che ancora la tiene ancorata alla realtà, come le sorelle e il figlio José.

L’albergo delle donne tristi di Marcela Serrano è un libro di donne per le donne, ma gli uomini non sono banditi, al contrario, spesso sono l’argomento principale di cui discutere e su cui riflettere.

Una domanda riecheggia per tutto il romanzo: gli uomini hanno paura delle donne di oggi? Di quelle donne che reclamano indipendenza e libertà anche per loro stesse? Ed è la paura che li spinge a tradirle, abbandonarle, ad abusarne sia fisicamente che psicologicamente?

Attraverso la storia di Floreana, della sua attrazione per un uomo scostante, ma dall’animo sensibile, la Serrano si avventura per gli impervi sentieri dell’amore e della sessualità, non senza inciampare ogni tanto lungo il cammino.

Si sa che amore e luoghi comuni facilmente vanno a braccetto e le storie romantiche corrono il rischio di risultare stucchevoli e scontate, ma in questo romanzo l’autrice si mette in gioco ed evita di affidarsi a generi prestabiliti quale quelli dei romanzi d’amore alla Nicholas Sparks, dei chick lit alla Sophie Kinsella e degli Harmony.

La sfida non era facile e ogni tanto la narrazione sembra appesantita dalle riflessioni psico-filosofiche che un saggio avrebbe accolto meglio, pur privandole di poesia.

L’albergo delle donne tristi non è una lettura d’intrattenimento e anche se alcune scelte di stile, secondo noi, hanno pregiudicato la fluidità nel ritmo, rimane un romanzo interessante che fa sorgere nel lettore le stesse domande che tormentano i personaggi: “Dopo una brutta delusione, saprò fidarmi e amare di nuovo qualcuno?”

Floreana affronta una sorta di rieducazione sentimentale e il lettore con lei. Anche lui per un po’ vive nell’albergo, si sente libero di porsi domande scomode e di provare a dare una risposta.

Perché, come dice Floreana:

[Elena] si fa carico di noi. Il suo obiettivo è quello di guarirci, non di cambiarci, perché proprio il conforto che lenisce le ferite fa scattare il cambiamento, e questo conforto lo provi semplicemente per il fatto di essere stata accolta senza giudizi, senza rimproveri.

Titolo: L’albergo delle donne tristi
Autore: Marcela Serrano
Editore: Universale Economica Feltrinelli
Pagine: 288
Prezzo: 9,50 euro

Acquistalo su Amazon.it

Il prezzo indicato è quello di copertina. Verifica su Amazon.it il prezzo effettivo e gli sconti applicati.

Immagine di cromaconceptovisual

Tag: Last modified: 4 Gennaio 2021