Il contadino e il cavallo, una storia sul bene e sul male

È da un po’ che non pubblico nulla negli aforismi del lunedì così sono andata a rispolverare una delle mie storie preferite. È molto famosa quindi non dubito che alcuni di voi già la conoscano, ma la saggezza che racchiude è sempre attuale e ogni volta che la rileggo è come se fosse la prima.
Ormai ho perso il conto di tutte le volte che l’ho raccontata per mostrare a un amico come l’esistenza nasconda sempre qualche dono inatteso e nulla si possa dare per scontato, né le lacrime né la gioia. Eccola a voi. 🙂 Buon Lunedì!

Immagine: Moyan Brenn

Immagine: Moyan Brenn

Molti anni fa, in un povero villaggio cinese, viveva un agricoltore con suo figlio. Suo unico bene materiale, a parte la terra e la piccola casa di paglia, era un cavallo che aveva ereditato da suo padre.
Un giorno, il cavallo scappò lasciando l’uomo senza animali che potessero lavorare la terra. I suoi vicini – che lo rispettavano molto per la sua onestà e diligenza – accorsero a casa sua per dirgli che erano dispiaciuti per quanto era successo. Lui li ringraziò per la visita, ma domandò: “Come fate a sapere se ciò che mi è successo è una disgrazia per me?”

Qualcuno commentò a bassa voce con l’amico: “Non vuole accettare la realtà, lasciamo che pensi quel che vuole, così non si affliggerà per l’avvenuto.”
Ed i vicini andarono via, fingendo d’essere d’accordo con ciò che avevano sentito.

Una settimana dopo, il cavallo ritornò alla stalla, ma non era solo: era accompagnato da una bella giumenta. Al sapere questo, gli abitanti del villaggio – contenti, perché solo ora avevano capito la risposta che l’uomo aveva dato loro – tornarono a casa dell’agricoltore, congratulandosi per la buona sorte.
“Prima avevi solo un cavallo, ed ora ne hai due. Auguri!”, dissero.
“Grazie mille per la visita e per la vostra solidarietà”, rispose l’agricoltore. -“Ma come fate a sapere che l’accaduto è una benedizione per me?”
Sconcertati, e pensando che l’uomo stesse impazzendo, i vicini se ne andarono, commentando per strada “possibile che quest’uomo non capisca che Dio gli ha inviato un dono?”
Passato un mese, il figlio dell’agricoltore, decise di addomesticare la giumenta. Ma l’animale saltò in modo imprevisto, ed il ragazzo, cadendo in malo modo, si ruppe una gamba.
I vicini tornarono a casa dell’agricoltore, portando doni per il giovane ferito. Il sindaco del villaggio, solennemente, presentò le condoglianze al padre, dicendo che tutti erano molto dispiaciuti per l’accaduto.
L’uomo ringraziò per la visita e l’affetto di tutti. Ma domandò: “Come potete sapere se l’accaduto è una disgrazia per me?”

Questa frase lasciò tutti stupefatti, perché nessuno potrebbe avere il minimo dubbio di come un incidente ad un figlio possa essere una tragedia. Uscirono della casa dell’agricoltore, commentando fra sé: “È davvero impazzito; il suo unico figlio può rimanere zoppo per sempre ed ha ancora dubbi che l’accaduto possa davvero essere una disgrazia.”
Trascorsero alcuni mesi ed il Giappone dichiarò guerra alla Cina. Gli emissari dell’imperatore attraversarono tutto il paese alla ricerca di giovani in buona salute da inviare al fronte in battaglia. Arrivarono al villaggio e reclutarono tutti i giovani, eccetto il figlio dell’agricoltore che aveva la gamba rotta.

Nessuno dei ragazzi ritornò vivo. Il figlio guarì, i due animali fecero puledri che furono venduti dando una buona resa in denaro. L’agricoltore passò a visitare i suoi vicini per consolarli ed aiutarli, poiché si erano mostrati solidali con lui in ogni situazione. Ogni volta che qualcuno di loro si lamentava, l’agricoltore diceva: “Come sai se questa è una disgrazia?”. Se qualcuno si rallegrava troppo, gli domandava: “Come sai se questa è una benedizione?” E gli uomini di quel villaggio capirono che, oltre alle apparenze, la vita ha altri significati.

 

3 Commenti

  • comment-avatar
    Nadia Prato 24 giugno 2016 (10:14)

    Cercando in rete la storia di cui sopra, mi sono piacevolmente imbattuta in questo interessante blog a cui vorrei iscrivermi, ma non trovo il “solito pulsante” (anch’io ho un blog su wordpress).
    Mi potete aiutare a iscrivermi per ricevere le vostre notifiche?
    Grazie
    Nadia Prato

    • comment-avatar
      Pensiero Distillato 24 giugno 2016 (21:39)

      Ciao Nadia,
      felice che tu sia approdata qui! Puoi ricevere gli aggiornamenti del sito tramite e-mail: invia un nuovo commento a questo articolo (anche vuoto) scegliendo come opzione “avvertimi via e-mail alla pubblicazione di un nuovo articolo” (la trovi sotto al box del commento) e sarai iscritta automaticamente. 😉

  • comment-avatar
    pasquale 18 giugno 2017 (18:08)

    Ho scritto quasi 50 racconti che parlano di contdini del mio paese, mi date un consiglio di come utilizzarli?